Vai al contenuto

Un’esperienza di vita: il nostro Erasmus+ a Malta

Sono le 8.00 del 23 Giugno all’Aeroporto di Bologna. 

Danjela, Desara, Genni, Jasmin, Kelly, Lucia, Malika, Najwa e Nicole finalmente arrivano, con un bus da  Perugia, dove incontrano il group leader Marco. C’è un po’ di ansia nei loro occhi, ma anche eccitazione per  cosa sta per accadere: la prima vera esperienza lunga, lontano da casa, senza la famiglia. C’è fermento  nell’aria.  

Le ragazze infatti partiranno, grazie al progetto Erasmus+ STAY, per un tirocinio di tre settimane a Malta  nel settore amministrativo e turistico.  

Quello che accade nelle tre settimane seguenti è un po’ un programma di vita concentrato, c’è di tutto:  gioia, dolore, tristezza, divertimento, ansia, relax, fatica, sollievo, paura ed emozione. Ma chi potrebbe  raccontarlo meglio di chi l’ha vissuto sulla propria pelle? 

Un’esperienza del genere ti forma moltissimo, ti modella un po’. Impari ad adattarti in una città che non conoscevi prima, in una lingua che non ti appartiene, con persone  che non conosci. Non puoi fare altro che sbagliare pullman per andare al lavoro o perdere la fermata e  scendere tardi, per poi fartela a piedi. Non puoi evitare di perderti e di dover chiedere a qualcuno una  mano, incamminarti nella direzione giusta e ricordarti che il senso di marcia è invertito, che è tutto al  contrario. Quando finalmente ti abituerai alla guida a destra, sarà finita questa meravigliosa esperienza e  sarà ora di tornare a casa. Eppure credo che sia cosi che si cresce, che si impara ad adattarsi e ad  accontentarsi, anche se a me, nella vita, piace non accontentarmi mai di niente.  

Si scopre che forse anche fuori dalla propria quotidianità si è qualcuno, che forse non è così male lasciarsi  andare a nuove esperienze e che forse, dico sempre forse, il resto non fa più così tanta paura. Magari un  po’ perché ho il sole negli occhi e mi bruciano per via dell’acqua salata, forse è il blu del cielo che mi  disorienta un po’. Oppure, molto semplicemente, ad essere diversi siamo noi, dopo un viaggio del genere.  

E si capisce che è cosi bello scoprire, e scoprirsi, insieme.” – Kelly 

“Avevo paura non mi piacesse stare qua, lontano da casa, lontano dai miei amici, dalle persone che amo…  Poi però appena sono arrivata qua ho notato che non era poi così male, che mi sentivo bene anche se non  avevo le persone che amavo vicine, mi sentivo bene perché loro mi hanno incoraggiato sempre a fare ciò  che amo e che mi fa stare bene e devo dire che è andata alla grande. Ho incontrato persone  fantastiche di cui non mi dimenticherò mai, ho tantissimi bei ricordi qua. Mi sento di dire che con questo viaggio  ho sentito tante emozioni diverse: non sempre felicità è spensieratezza, a volte anche un po’ di solitudine e  tristezza ma la vita è fatta così… 

Questo viaggio mi ha regalato tantissime cose e anche nuove amicizie quindi non penso di scordarmi nulla, anzi: rimarrà tutto nel mio cuore e nella mia testa.” – Genni 

“Una cosa triste è che adesso che mi sono iniziata a sentire a mio agio e ad essere più socievole devo  ripartire per tornare in Italia! Un ricordo che mi rimarrà per sempre è l’azienda e i dipendenti, all’inizio mi  sembravano poco socievoli ma è l’opposto, hanno sempre cercato di farmi sentire a mio agio e sono  sempre stati aperti con me, mi hanno trattata come una di loro, non li dimenticherò mai.

Sono troppo felice di essere riuscita a partecipare a questo progetto, molto utile nel campo del lavoro ma  soprattutto nella vita personale per uscire dalla propria comfort zone, se mai mi capitasse un’altra  occasione simile a questa so per certo che la accoglierò con molta felicità.” – Jasmin 

“I primi due giorni mi sembrava tutto così diverso, non riuscivo ad abituarmi all’ambiente, era tutto nuovo.  Col tempo ho conosciuto nuove persone con cui mi sono divertita molto, ho potuto scoprire anche diverse  culture oltre a quella maltese. È una bellissima esperienza perché ho imparato a gestirmi, anche dal punto  di vista economico, ho superato molte difficoltà da sola, ho legato molto anche con le mie compagne e  Marco. Vorrei tanto ripetere questa esperienza perché grazie a queste prove le persone maturano e  scoprono veramente com’è il mondo là fuori.” -Najwa 

Grazie ad Uniser, all’ITET Capitini e a tutti coloro che ci hanno permesso di vivere questa esperienza magica!

Categorie

Stay

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: